Eclissi e credenze

E’ rimasto nel nostro inconscio quella paura quasi atavica delle “Eclissi” come se preannunciassero qualche cataclisma.

Questa credenza, che arriva da antiche culture contadine e che è stata ben utilizzata nel medioevo per assoggettare le menti semplici, non deriva sicuramente dalle antiche culture dei saggi, dei colti e dei sacerdoti che, invece, avevano dell’ECLISSI una visione ben diversa.

Come sappiamo i popoli sono da sempre stati assoggettati al potere tramite la paura e la paura nasce e si pascola e si nutre nell’ignoranza in cui i popoli sono da sempre tenuti per poterli comandare.

Ma se da una parte il mondo dei semplici veniva oppresso da credenze sconcertanti quali appunto la connessione dell’eclissi a eventi tragici, dall’altra parte coloro che detenevano il sapere, proprio in quei particolari momenti eseguivano dei rituali specifici per attrarre le energie positive che, invece, in quei particolari momenti venivano emesse dagli astri.

Nei momenti di Eclissi, ad esempio, i Grandi sacerdoti ed i Faraoni effettuavano particolari abluzioni con acqua pura di sorgente lasciata al sole per tre giorni i particolari tinozze che venivano poi portate all’interno delle piramidi per essere versate nella vasca posta ad una altezza pari al numero aurico inserito nella piramide stessa.

In queste acque venivano immerse pietre come il lapislazzulo e il turchese, ma anche la corniola e alabastro. Spesso le giare erano proprio di questo durissimo materiale che ha proprietà particolari come il rilassamento dei muscoli, migliorare la sensibilità corporea e a sbloccare le tensioni, ridurre emicranie e dolori dentali dovuti a bruxismo, tutte cose molto frequenti all’epoca e così lasciava l’individuo aperto ad accogliere ogni energia positiva venisse elargita dall’universo.

Come avessero fatto a costruire giare di alabastro, che è un materiale durissimo difficile da lavorare anche con utensili modernissimi, resta un mistero, ma fatto è che effettivamente furono trovate nelle piramidi dei faraoni pronte a servirli con le loro proprietà particolari.

Tutto questo sapere serviva a quei pochi fortunati ad ottenere una connessione particolare tra loro ed il cosmo.

Le pietre dell’allineamento, così venivano chiamate, sfoggiavano la loro bellezza anche sul pettorale di Re Salomone, aiutandolo nelle sue battaglie, proteggendolo e dandogli forza e saggezza.

Ancora oggi molti permangono nell’ignoranza di queste meraviglie che la natura ci ha elargito per il nostro ben-essere, ma fortunatamente molto sta cambiando; sono molte le persone che stanno risvegliandosi e che cercano di capire quali sono le connessioni fra noi e l’Universo.

Purtroppo, però, molti sono ancora attanagliati dalla paura e seguono solo chi gli parla di cose spaventose, di come proteggersi o di come “loro” (quelli che li tengono in pugno) possono proteggerli: e qui torniamo alla sudditanza per paura.

Ma quelli a cui mi rivolgo sono coloro che hanno lasciato cadere i veli della paura e hanno deciso di guardare l’universo con gli occhi dello sciamano, con quegli occhi che vedono solo la connessione profonda che c’è fra ogni cosa nell’universo intero e quindi anche fra l’uomo e tutto ciò che sta a lui intorno, vicino o lontano che sia.

Perché sappiamo bene che per la legge del  “così è sopra, come è sotto” , anche ciò che sta al di fuori di noi è identico a ciò che sta dentro di noi.

Se da una parte dalle menti semplici il sole oscurato veniva visto come una minaccia alla vita sulla Terra, da chi, invece, era a conoscenza del fatto che, innanzitutto il fenomeno era passeggero, ma anche che si tratta di un “allineamento” fra tre grandi corpi celesti, la visione energetica del fenomeno cambia totalmente.

L’allineamento tra terra, sole e luna nel cielo può essere vista da menti più preparate, come un allineamento tra le tre energie del corpo.

Da sempre il Sole è stato considerato come l’energia maschile: calda, creativa, vivace, e la Luna invece come energia femminile: fredda, accogliente, modificatrice.

La Terra a sua volta è l’energia neutra, che assorbe il calore del sole e il fresco lunare, la vivacità solare che crea ogni cosa e la staticità modificatrice lunare che segna i lavori nei campi e ogni laboriosità umana di ciò che il Sole ha creato.

Quindi solare= maschile, lunare=femminile e Terra che significa neutro che assorbe e racchiude le altre due energie.

Su questa base possiamo dire che nasce anche il Reiki di Lemuria©, dove i Savi di Lemuria erano padroni di queste conoscenze e sapevano gestirle sia dentro l’uomo, nelle sue energie, che fuori, nell’immenso energetico spazio universale e le hanno lasciate a noi “incastonate” nei grandi passi di montagna del Tibet.

Furono loro a dare a tutto il mondo le proprie conoscenze prima che la loro grande isola sprofondasse, ma questo sarà il tema di un altro articolo.

Se vuoi saperne di più su Reiki Usui o sui percorsi iniziatici di Reiki di Lemuria© scrivi a: info@scuolaoo.it

 

 

Ultimi articoli

Eclissi e credenze

E’ rimasto nel nostro inconscio quella paura quasi atavica delle “Eclissi” come se preannunciassero qualche cataclisma. Questa credenza, che arriva da antiche culture contadine e che è stata ben utilizzata

Leggi Tutto »