ORGONITE, un aiuto energetico adatto a tutti

Ciondoli in Orgonite proteggono la persona e la sua energia

La scoperta dell’ORGONITE, effettuata da due sperimentatori (alcuni dicono Karl Werz e Don Croft, altri parlano dello psichiatra e psicoanalista Wilhelm Reich, allievo di Freud), non fu proprio casuale.

Possiamo dire che nel ricercare qualcosa d’altro ne usci una novità insperata ma sicuramente molto importante sotto l’aspetto dell’energetica nel rapporto uomo/natura.

La combinazione della resina Epossidica con pezzi di metallo e quarzi diede un risultato insperato che era certamente molto lontano dalle loro ricerche.

Fatto sta che questa resina trasparente (irradiante), completamente atossica, combinata con metallo (conduttore) e quarzo (generatore) porta ad un benefico scambio energetico dell’individuo con il mondo esterno, coinvolgendo solo energie positive e modificando o allontanando quelle negative.

L’orgonite, infatti, viene consigliata a tutti coloro che lavorano a contatto con le persone, con la gente in generale, per fare scudo alle energie negative e nello stesso tempo per rafforzare e proteggere le energie positive interiori.

Ma certamente utile a tutti coloro che desiderano proteggere le proprie energie positive e ripararsi da quelle negative che provengono dall’esterno.

Se posizionato vicino al corpo, l’orgonite protegge la parte dell’aura nel punto in cui è posizionata, con un diametro di circa dieci volte quello del monile.

Se quindi il ciondolo ha un diametro di 5 cm, il raggio di azione dell’orgonite sarà di circa 50cm, pari alla capacità di protezione dei chakra a vibrazione più alta posizionati sul corpo umano.

Va da se che il ciondolo dovrebbe essere posizionato appena sotto al chakra della gola, così da interagire perfettamente con quei chakra che sono i più sensibili alle energie negative e che portano ad interferenze più immediate ed evidenti.

I chakra basali sono quelli che regolano le leggi naturali insite nell’individuo, e vengono chiamati anche “chakra della natura” e non dovrebbero avere grossi impatti negativi a meno che non si sia fatto voto di castità oppure non ci siano problemi psichici importanti.

Infatti sono quei chakra che vengono “protetti” dai sacerdoti con stole contenenti disegni sacri  (soprattutto durante le funzioni dove circola l’energia dei fedeli presenti) che proteggono dall’entrata e uscita dell’energia della natura che è in contrasto con i voti pronunciati..

Per quanto riguarda gli ambienti, qualsiasi oggetto in ORGONITE ha il potere di trasformare l’energia della stanza in energia fluida e positiva. Così come fanno le piante con le loro foglie, assorbendo anidride carbonica ed emettendo ossigeno, l’ORGONITE purifica l’energia della stanza sottraendo energia negativa (DOR) e trasformandola in energia positiva (OR).

Il suo effetto maggiore è sviluppato quando prende la luce, mai diretta, del sole, quindi deve essere portata al collo sopra i vestiti perché possa catturare la luce presente nell’ambiente, oppure posizionata vicino ad una finestra dove possa attingere alla luce che vi entra.

Si è scoperto inoltre che la posizione migliore, dove l’orgonite si attiva maggiormente è verso Nord, in quanto sembra che questa energia scorra verso Nord.

Per saperne di più puoi vedere la registrazione del webinar che abbiamo trasmesso il 21-02-2024 aperta a tutti a questo link,  dove puoi trovare anche la programmazione dei prossimi webinar gratuiti ed aperti a tutti.

Ritornando all’oggetto del nostro articolo, nel nostro shop prodotti si possono trovare molteplici ciondoli di ORGONITE effettuati e calibrati tenendo presente tutte le esatte combinazioni fra resina epossidica, metallo e quarzi o pietre a seconda dell’uso che si intende farne o delle zone che si desiderano proteggere.

Puoi trovare i nostri prodotti specifici per Operatori Olistici a questo link https://www.scuolaprofessionaleoperatoriolistici.it/shop-prodotti/

Ultimi articoli

NORMOTIPI IN NATUROPATIA

Secondo la Naturopatia ogni persona rientra in una delle tre categorie ben definite che si formano a seconda della evoluzione più o meno condensata dei tre foglietti embrionali (chiamati anche

Leggi Tutto »